È stato un campionato di Serie B Nazionale davvero molto partecipato quello andato in archivio qualche settimana fa con le promozioni della Libertas Livorno e della Del Fes Avellino; per capirlo basta dare un’occhiata ai numeri degli spettatori paganti, analizzati in base ai dati ufficiali SIAE forniti dalle varie società alla Lega.

Alle 671 partite disputate complessivamente, hanno assistito, pagando il costo del biglietto, 456.339 persone, davvero tante per un campionato che dall’attuazione della riforma ha tratto nuova linfa, anche per la presenza di piazze storiche come Livorno, Roseto, Montecatini e Caserta.

Tanto per rendere l’idea di quanto nella città labronica la pallacanestro sia sentita basta pensare agli 8.010 spettatori nel derby giocato, per calendario, in casa Pielle, ed ai 7.933 in quello ritorno, con la Libertas padrona di casa.

I numeri della stagione regolare

Limitando l’analisi alla sola stagione regolare, alle 612 partite hanno assistito 369.066 spettatori, per una media di 603 a partita, con un terzo delle squadre partecipanti che sono andate oltre questo numero. Come ampiamente prevedibile, le squadre con più “attendance” sono state le due livornesi, con la Caffè Toscano Pielle Livorno che ha fatto registrare un’affluenza media oltre quattro volte maggiore rispetto a quella del campionato. Ad ogni partita della Triglia labronica, infatti, hanno assistito 2.428 spettatori, unica società ad infrangere, e neanche di poco, la barriera dei 2.000 a partita.

Alle spalle della Pielle gli eterni rivali della Libertas, che hanno chiuso a quota 1.782, con appena 23 paganti di media sopra a quella che è stata l’avversaria degli amaranto nella finalissima playoff, la Liofilchem Roseto, ferma a 1.759.

A raccontare il grande interesse suscitato da questo campionato in Toscana anche il quarto posto della Fabo Herons Montecatini, a 1.344. A seguire anche la SAE Scientifica Legnano, ultima a vantare una media oltre le 1.000 persone, 1.272 per l’esattezza.

Numeri che si riflettono anche sulla classifica degli incassi, guidata dalla Caffè Toscano Pielle, con 24.107 € a partita, davanti ai cugini della Libertas, fermi a quota 19.896 €. Lontanissime le altre, con Fabriano terza davanti a Roseto, oltre alle livornesi le uniche a superare la soglia dei 5.000 € a partita, rispettivamente a 7.735, Fabriano, e 5.839, Roseto.

Nella top ten anche un’altra toscana, la Fabo Herons Montecatini, sesta con 4.758 € di media. I maggiori incassi arrivano dai due derby di Livorno, tra Akern Libertas e Caffè Toscano Pielle; quello in casa Libertas ha prodotto 146.637 €, quello dell’andata, con la Pielle padrona di casa, 141.909 €.

I numeri dei playoff

Nella fase più importante, ed attesa, della stagione, i playoff, i numeri si sono impennati, con un’affluenza media passata da 602 a 1.479 persone, con un incremento, incredibile ma vero, del 145 % rispetto alla “regular seasons”. In mancanza della sfida tra le due livornesi, posizionate in tabelloni diversi, la partita che ha visto più spettatori è stata gara-5 della sfida tra Liofilchem Roseto e Akern Libertas Livorno, giocata di fronte a 3.459 paganti, ben 500 dei quali arrivati da Livorno.

Proprio le tre partite di finale giocate a Roseto sono le gare di playoff con la maggiore affluenza, sempre superiore alle 3200 persone a partita, davanti alle due sfide giocate a Livorno, rispettivamente Gara-3 e Gara-4, che hanno sfiorato i 3000, complice la ridotta capienza del “PalaMacchia”.

Anche nelle altre cinque partite nella top ten dei playoff c’erano sempre sul parquet compagini toscane, la Fabo Herons Montecatini, al settimo posto in Gara-5 di finale con Avellino (2798) e la Pielle, in tutte le altre, due volte con Avellino e due con l’Andrea Costa Imola.

Proprio la Pielle, benchè sia stata eliminata in semifinale, è la squadra con l’affluenza media più alta nella post-season, con 2.714 spettatori di media, davanti – ma guarda un po’ – ai “cugini” della Libertas Livorno, a quota 2.585 e Roseto, 2.199.

Dei biancoazzurri labronici anche l’incasso medio più pingue, con la società presieduta dal Presidente Farneti che ha incassato 36.755 € a partita, mentre l’incasso più elevato è stato di 44.216 €, in occasione della decisiva Gara-5 tra Roseto e Libertas Livorno.

Numeri chiari, la Toscana, e Livorno in particolare, è stato il cuore pulsante del campionato da poche settimane andato in archivio, comunque di grande successo come raccontano i 456.339 paganti complessivi che hanno portato nelle casse delle 36 società della categoria la bellezza di 2.901.342 €.

Photocredits: Paola Licheri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here