Verdetti scritti in entrambi i gironi della Serie C Unica, con Sansepolcro ed Agliana che agganciano il quarto posto, l’ultimo utile per accedere alla giostra promozione. Adesso rimangono da definire le posizioni per capire la composizione dei due gironi in cui le rimanenti compagini si giocheranno la salvezza.

GIRONE A

La copertina di giornata è tutta per la Romolini Sansepolcro, matematicamente certa del quarto posto. Alla compagine aretina bastava un successo sul parquet di Valdisieve e successo è stato, il quarto di fila per la compagine di Mameli. Valdisieve, senza capitan Occhini, infortunato, e lo squalificato Faticanti, ci ha anche provato a ribaltare il pronostico, ma alla fine le maggiori motivazioni di Sansepolcro hanno avuto la meglio. I biturgesi hanno giocato una super prestazione offensiva, portando quattro uomini a 20 o più punti, con Hassan a 25 e Mihajlovic a 22. A Valdisieve non sono bastati i 31, in 30’ di utilizzo, di Municchi.

Il successo di Sansepolcro ha reso vano anche il successo, comunque prestigioso, della Wetech’s Montevarchi sulla capolista Vismederi Costone Siena, in una partita decisa nell’ultimo minuto di gioco da un canestro di Zacchigna ed un libero di Caponi. Due punti amari per Paludi, che sconta lo 0-2 nel confronto diretto con Sansepolcro. Nei valdarnesi 19 di Tommaso Sereni e 16 di Pedicone, nella capolista, in un momento di flessione, 14 di Nasello e 13 di Banchero.

Chi non conosce flessione è invece la Garden Toscana Resort San Vincenzo, protagonista di un ritorno da incorniciare, fatto di otto successi in nove giornate; l’ultimo arriva contro la Valentina’s Bottegone, rimandata in terra pistoiese con 13 punti sul groppone, grazie all’ennesima super prova di Camillo Bianchi con 31 punti sempre più capocannoniere del campionato. Per Bottegone, senza il bomber Riccio, Milani e De Leonardo, 19 di Cukaj e 14 di Santangelo.

Lo stesso ruolino di San Vincenzo nel ritorno, lo vanta anche la Sibe Gruppo AF Prato; i ragazzi di Marco Pinelli riscattano lo stop della scorsa settimana a Siena, vincendo il derby con la Sim Tel Union Basket. La stracittadina è in equilibrio solo nei primi 20’, poi la maggiore caratura di Casella e compagni viene fuori e si concretizza con il 22-11 del periodo finale. Pinelli, senza l’acciaccato Forti, porta quattro uomini in doppia cifra, con Salvadori a 23 ed Artioli a 19, nella Union 23 di Corsi.

Torna al successo, dopo tre tentativi andati a vuoto, la Uappala Hotels US Livorno, nella trasferta sul parquet del fanalino di coda Boldrini Selleria Fucecchio, ancora senza sorrisi davanti al proprio pubblico. I labronici scappano nel secondo quarto -22-12 il parziale – per poi chiudere sul 79-67. Mori si gode i 20 di suo nipote Stefano e 16 di Dell’Agnello, per Fucecchio 16 di Torrigiani.

GIRONE B

Anche in questo raggruppamento tutto deciso per quanto riguarda le prime quattro piazze, con la giornata che certifica l’incredibile rimonta della Endiasfalti Agliana; i ragazzi di Gambassi avevano iniziato il torneo con i bioritmi sotto le scarpe, salvo poi cambiare marcia, incasellando ben undici vittorie nelle ultime dodici partite giocate. L’ultima, sul parquet del fanalino di coda Synergy Valdarno, vale la matematica certezza del quarto posto, considerando che Pontedera, nell’ultima giornata, osserverà un turno di riposo. A San Giovanni, Agliana la vince in difesa, concedendo alla Synergy appena 54 punti. Alla fine, Gambassi stappa lo champagne grazie ai 28 di Emanuele Rossi, non a caso miglior realizzatore del girone.

Chi rimane con il cerino in mano è Pontedera, che pure a Livorno, sponda Fides, lotta fino a metà quarto finale, quando cede di schianto, incassando un parziale finale di 22-7 determinante nel successo di Pistolesi, dopo che Pontedera aveva avuto anche 19 punti di vantaggio nel secondo periodo. Per Fides, senza Marco Creati e Benini, si tratta della seconda vittoria di fila, propiziata dai 22 di Stefano Orsini e dai 20 di Vignali, a Parcesepe non bastano quattro uomini in doppia cifra, con Lemmi a 15.

In testa alla classifica, vincono le prime due, la Note di Siena Mens Sana e la Sancat Firenze. La capolista espugna Monsummano, al primo stop casalingo del ritorno, mettendo le cose in chiaro già nel primo tempo, chiuso avanti di 16, margine poi agevolmente mantenuto nei secondi 20’. In ottica promozione, le più accreditate Costone – che derby ci aspetta nella seconda fase -, e Prato devono fare molta attenzione alla compagine di Paolo Betti. In casa Mens Sana 20 di Sabia, 10 di Prosek, nei “ciabattini” 16 di Manetti.

La Sancat, invece, battezza il turno casalingo regolando la Cosmocare CUS Pisa in una partita dall’andamento schizofrenico; a 10’ dalla fine, infatti, gli “universitari” erano avanti di 9, dopo aver avuto anche 21 punti di vantaggio, poi la Sancat ha innescato il turbo e, con un parziale di 25-7 nel periodo finale, ha portato a casa i due punti, con Pinarelli e Berti a quota 13, gli stessi del pisano Carpitelli.

Bel successo, il secondo consecutivo, della Toscana Food Don Bosco, in casa contro una formazione, il CMC Carrara, in rottura prolungata. Eppure, gli uomini di Bertieri erano partiti bene, conducendo per tutti i primi 20’. Al rientro dagli spogliatoi, ecco l’inversione di tendenza, con la banda di under labronici bravissimi in difesa – Carrara segna solo 18 punti nei due quarti finali – ed alla fine vincenti per 61-52, un punteggio forse più largo di quello che ha detto il parquet. Nei labronici 14 di capitan Tartamella, per Carrara 20 di Sequani, top scorer del confronto.

Photocredits: Daniele Borghini

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here